No allo smartphone in classe

La diffusione del mondo digitale e della sua poderosa strumentazione, affascinante e in continuo progresso, è così invasiva nei giovani da occupare il loro interesse e il loro tempo al punto da distrarli dall’educazione scolastica tradizionale e da fare spazio al dibattito sullo 'smartphone al scuola'. Ciò pone il problema delle ragioni che ne stanno alla base e, come direbbe un medico, della ezio...
Leggi tutto

La pedagogia e la nostra società vanno verso un obiettivo comune? 

Riportiamo un articolo che ci può aiutare a riflettere sul ruolo che la scuola riveste nella nostra società. Quando essa si sostituisce alla famiglia ci si espone a squilibri anche gravi, spesso senza pensarci. I genitori "fortunati" nella società occidentale sono quelli che riescono a trovare un asilo per i figli piccoli nelle ore diurne, dato che entrambi mamma e papà devono andare a lavo...
Leggi tutto

E’ in corso l’esproprio dei figli?

Di chi sono i figli? I figli non sono di nessuno perché sono di Dio. C’è stato un tempo in cui l’idea che il figlio fosse un dono era radicata nel cuore e nella mente delle persone, e non solo delle mamme. Un dono che viene da Dio e che bisogna educare perché a Lui ritorni. La procreazione era sentita come appartenente ad un ciclo di senso che toglieva il bimbo dalle mani di ogni potere terreno, p...
Leggi tutto

La centralità di Dio nell’educazione scolastica

 La scuola è lo snodo fondamentale di tutti i percorsi per la costruzione della società. Essa, educando o diseducando, contribuisce a formare i cittadini e il capitale umano. Come dice la Caritas in veritate, c'è una professionalità lavorativa e imprenditoriale ma prima c'è una professionalità umana da formare senza della quale anche quella lavorativa e professionale - e la cosa vale per tutti i c...
Leggi tutto

Asilo o no? non è scuola dell’obbligo, ma è una buona scelta?

 I genitori "fortunati" nella società occidentale sono quelli che riescono a trovare un asilo per i figli piccoli nelle ore diurne, dato che entrambi mamma e papà devono andare a lavoro. Bisognerebbe capire se altrettanto fortunati sono i bambini depositati come pacchi postali negli asili suddetti, che nonostante le migliori intenzioni degli insegnanti delle materne vedono sparire senza spiegazi...
Leggi tutto

Malascuola – il nuovo libro di Elisabetta Frezza

MalaScuola – La scuola italiana e il progetto di ri-educazione dei nostri ragazzi. 24 luglio 2017 da http://www.vanthuanobservatory.org E’ appena uscito il libro MalaScuola, con un lungo sottotitolo “gender, affettività, emozioni: il sistema educativo per abolire la ragione e manipolare i nostri figli” (Casa editrice Leonardo da Vinci, Roma 2017). Abbiamo intervistato l’autrice, padovana, avvo...
Leggi tutto

Scuola di stato? La responsabilità dell’educazione è dei genitori (e della Chiesa)

Nell'Ottocento la Chiesa contestava allo Stato il monopolio dell'educazione. Partita persa dato che oggi essa è completamente in mano allo Stato. Partita persa perché incentrando la scuola sull'educando e non su Dio, si è diffusa l'idea di averla fissata su un obiettivo laico, che anche lo Stato poteva perseguire. Fu così che la scuola confessionale fu considerata "di parte" mentre la scuola sta...
Leggi tutto

Il maestro e la sua responsabilità

Sono giunto a una conclusione terrificante. Io sono l'elemento decisivo in classe. E' il mio approccio personale che crea il clima. E' il mio stato d'animo quotidiano che fa l'atmosfera. Come insegnante ho possedere un enorme potere per rendere la vita di un bambino triste o gioioso. Posso essere uno strumento di tortura o di uno strumento di ispirazione. Posso umiliare o rallegrare, ferire o guar...
Leggi tutto

Sappiamo davvero cosa succede ai nostri figli?

Pubblichiamo un intervento apparso sul numero di maggio di "Fraternità e Missione", il mensile della Fraternità sacerdotale San Carlo. La ragazza di tredici anni mi descrive il viaggio a Roma della sua scuola. “Mi piacevano le notti in albergo” dice. “Perché?”. “Perché ci avevano tolto i telefonini e perciò parlavamo. Era molto bello”. Rimango senza parole: non sono preparato alla totale scompars...
Leggi tutto